• Corsi di formazione

    L'ASPI organizza corsi di formazione per sommelier sul territorio nazionale ed all'estero (in lingua italiana ed in lingua inglese), seguendo uno specifico programma ed un percorso didattico di eccellenza. Leggi tutto
  • Come associarsi

    I soci ASPI hanno diritto a vantaggi esclusivi, con la possibilità di partecipare a concorsi ed eventi nazionali e internazionali. Leggi tutto
  • Concorso Nazionale

    Il Concorso Nazionale ASPI è un'occasione unica di confronto e crescita per tutti i sommelier italiani, che attira personalità di livello mondiale. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
Home

Konstantinos Stavroulakis é il Miglior Sommelier d'Italia ASPI 2016

E’ Konstantinos Stavroulakis a vincere il prestigioso titolo di Miglior Sommelier d’Italia ASPI 2016.
Konstantinos, 43 anni, di origine greca, da anni vive e lavora in Italia ed oggi ricopre il ruolo di sommelier presso il ristorante giapponese Sushi B, nel cuore di Milano.
La finale, svoltasi domenica 6 novembre presso Villa Eubea, a Pozzuoli, ha visto protagonisti insieme a Konstantinos, Giacomo Morlacchi secondo classificato, e Davide Dargenio, medaglia di bronzo.

In questa edizione ha trovato spazio una nuova prova a sorpresa per i 3 finalisti. I sommelier si sono dovuti confrontare con il servizio di una bottiglia di spumante, in 12 calici. Fin qui niente di complicato, apparentemente. In realtà, i sommelier avrebbero dovuto effettuare il servizio, senza possibilità di tornare sui calici dove già era stato versato lo spumante e avrebbero dovuto completare i 12 calici andando ad esaurire completamente la bottiglia a disposizione. 

Prove di finale che ogni anno vedono aggiungersi qualche novità, al di là delle ormai classiche prove di decantazione, degustazione alla cieca ed in lingua straniera, riconoscimento di liquori e distillati, servizio e degustazione di una birra e degustazione di caffè.

Il secondo classificato, Giacomo Morlacchi, 28 anni, milanese, é attualmente sommelier presso il ristorante Enrico Bartolini Mudec, a Milano. Dopo diverse esperienze lavorative in Inghilterra e Francia, al fianco di importanti figure, una su tutte Enrico Bernardo (Miglior Sommelier del Mondo A.S.I. 2004), da un paio d'anni ha fatto ritorno nella sua città.


Terzo classificato, Davide Dargenio, sommelier presso l' Ecole Hôtellière di Losanna, Le Berceau des Sens. Davide, alla sua seconda partecipazione al concorso, ha saputo conquistarsi un posto in finale.

Anche quest'anno, Birra Moretti ha scelto di premiare il sommelier che meglio approccia il mondo della birra, della sua presentazione e degustazione. In semifinale, i candidati sono stati chiamati a svolgere una degustazione scritta di Birra Moretti Lunga Maturazione, mentre i tre finalisti hanno creato l'abbinamento, a loro avviso, migliore tra un Pecorino di Pienza 24 mesi ed una a scelta tra le birre della Selezione Riserva, Lunga Maturazione, Grand Cru e Grani Antichi. Ad aggiudicarsi il Premio Birra Moretti é stato proprio il neo Miglior Sommelier d'Italia, Kostantinos.


A dirigere le prove, insieme al Presidente Giuseppe Vaccarini, Gennaro Buono, Miglior Sommelier d'Italia 2012 e candidato al prossimo concorso per il Miglior Sommelier d'Europa A.S.I., in qualità di Responsabile Concorsi ASPI, affiancato da Rudy Rinaldi Coordinatore ASPI Puglia e Daniele Arcangeli, Miglior Sommelier d'Italia 2015.

Insieme ai tre finalisti, hanno si sono meritati la semifinale anche, in rigoroso ordine alfabetico, Giovanni Articolare (JK Palace, Capri), Silvio Galvan (El Molin, Cavalese), Chiara Martino (Capri Palace, Capri) la prima donna a partecipare ad una competizione nazionale ASPI e Davide Vaccarini (ARVI SA, Melano, Svizzera).


Nel corso di questa finale non sono mancati momenti particolarmente significati come la nomina di due Sommelier Onorari. Stiamo parlando di Alessandro Torcoli, direttore della rivista Civiltà del Bere, e Pasquale Di Lena, per anni direttore storico dell'Enoteca Italiana di Siena.

La Giuria di questa edizione del Concorso era di altissimo profilo: Giuseppe Vaccarini, Presidente di Giuria e Miglior Sommelier del Mondo A.S.I. (1978), Piero Sattanino, Miglior Sommelier del Mondo (1971), Alessandro Torcoli, direttore della rivista Civiltà del Bere e neo nominato Sommelier Onorario ASPI, Pasquale Di Lena, neo nominato Sommelier Onorario ASPI, Mario Cucci, rappresentante dell'associazione Le Soste, partner di ASPI,  Paolo Merlin, sommelier e Corporate Relations & Beer/Wine Business Developer CR Department per Heineken Italia, Riccardo Zola Regional HORECA Representative Nespresso, Mara Ferri di Rastal,  l'enologo Fabrizio Scotto di Vetta, Gerardo Vernazzaro, enologo e Presidente del Consorzio Tutela Vini Campi Flegrei, Ischia e Capri, Claudia Moriondo, Marco Larentis e Nino Pappalettera Consiglieri ASPI, Laura Cecchini, sommelier ASPI e coordinatrice di ASPI Romagna.  

Un ringraziamento speciale va a Giuliano Mallardo, direttore dei corsi, a tutti i corsisti, mastro coppieri e sommelier nonché a Ciro Laringe, coordinatore di ASPI Campania, per il grandissimo impegno profuso per l'organizzazione di questo evento ed a tutti gli sponsor che hanno collaborato, da quelli locali, Villa Eubea, Montesolae, Union Security, GustosEccellenze, Consorzio Tutela Vini Campi Flegrei, Ischia e Capri, Abraxas, Fresh. Luxor, Ricoh, Delse, Caseificio Rosano, Cantine Astroni e Babbo, Az. Agr. Piscina Mirabile, Petrone Dolce&Salato Casatié, Vivese, I Giardini di Bacco, Club Amici del Toscano, Grappa Nonino, fino ad arrivare poi ai sempre presenti partner di ASPI che regolarmente, e con entusiasmo, sostengono le iniziative dell'associazione: Birra Moretti, Campari, Nespresso, Rastal e Tenuta Mara. 
Un grazie anche agli Hotel Villa Luisa e Il Gabbiano per l'accoglienza riservata.
Questa edizione del Concorso, come le precedenti,  ha riscosso grande successo di pubblico, grazie anche alla presenza di un nutrito gruppo di studenti dell'Istituto Alberghiero di Castel Volturno (CE), giunti grazie alla collaborazione della Dirigente Scolastica, e accompagnati da due docenti. Avere l'opportunità di partecipare ad eventi come questo, risulta di grande importanza per un giovane che cerca di impostare la propria professione, acquisendo sempre nuovi stimoli.

Premio Emozioni 2016

Il Premio Letterario Internazionale "Emozioni", nato nel 2013 da un'idea di Giuseppe Vaccarini, ha l’ambizioso obiettivo di premiare i sommelier di tutto il mondo che, attraverso la loro opera intellettuale e di comunicazione hanno fortemente contribuito a valorizzare la sommellerie con la pubblicazione di libri, articoli redazionali, reportage e filmati, diventando personaggi di riferimento per gli addetti ai lavori e per i giovani che si avvicinano alla professione di sommelier.

L’ASPI, l’Associazione della Sommellerie Professionale Italiana, ha voluto fin dalla prima edizione sostenere e promuovere l’iniziativa del Premio per colmare il vuoto che si è venuto a creare da quando, negli anni ’60, è rinata la sommellerie moderna, proponendosi di assegnare periodicamente un prestigioso riconoscimento a chi si è impegnato con competenza e passione, dedicando la propria vita, per trasmettere il sapere dell’enogastronomia e della professione alle nuove generazioni.

L’iniziativa di ASPI dimostra, altresì, la volontà di voler contribuire alla conoscenza dei vini italiani nel mondo e di favorire l’azione dei professionisti del vino. Infatti, i sommelier professionisti sono parte integrante della ristorazione, sono la guida ed i consiglieri dei clienti poiché sono loro che sanno proporre i vini e le bevande in perfetta armonia con i cibi e sono quelli che sanno scegliere i vini con il migliore rapporto prezzo qualità, proprio come ha fatto per anni il vincitore del Premio Emozioni di questa edizione.


Tra le numerose candidature giunte da diversi Paesi, ad aggiudicarsi il Premio per il 2016 è  Shigeru Hayashi, giapponese, sommelier autore di testi sui vini italiani, grazie alla sua lunga permanenza nel nostro Paese in qualità di direttore del primo ristorante di cucina giapponese a Milano.
Ad affiancare Giuseppe Vaccarini, Piero Sattanino, Miglior Sommelier del Mondo A.S.I. 1971, in qualità di Presidente di Giuria, Mario Busso, curatore della guida Vini Buoni d'Italia, e Alberto Schieppati, dal 2011 direttore editoriale della rivista Artù.

"Omero", così si chiama la statuetta in bronzo che è stata consegnata al vincitore sabato 5 novembre nel Teatro Puccini di erano in occasione del XXV° Merano Wine Festival, é un'opera dell'artista, pittore e scultore Enrico Muscetra, personaggio dall'indiscussa fama internazionale. Sua anche la statua "Venus", realizzata in occasione della prima edizione del Premio svoltasi a Sanremo, nel settembre 2013 e consegnata al francese Paul Brunet, autore di testi fondamentali per la formazione del sommelier.
Nella foto: Shigeru Hayashi con Giuseppe Vaccarini.


I grandi spumanti del mondo: prestigiose bollicine per emozioni senza confini

L’evento I Grandi Spumanti del Mondo, in programma lunedì 21 novembre al Museo della Scienza di Milano, si rivolge a un pubblico di professionisti, conoscitori e appassionati dibollicine, che sono sempre più numerosi. Sarà un’occasione per scoprire gli affascinanti messaggi conservati nelle magiche bottiglie di spumanti italiani, francesi, spagnoli, e del mondo in un incredibile viaggio tra presente e passato, tra stili e continenti differenti. Gli assaggi si snoderanno tra lo Spazio Polene, nel padiglione aeronavale, e la Sala Biancamano, il salone delle feste del transatlantico conte Biancamano, con la sua originale forma circolare, che evoca atmosfere anni Trenta.
Nello Spazio Polene, dalle 15 alle 17 per gli operatori del settore e dalle 17 alle 21 anche per gli appassionati, le Cantine protagoniste presenteranno i propri vini e sarà possibile degustare prestigiosi spumanti italiani, dai Trentodoc di Cantine Ferrari ai Conegliano Valdobbiadene da invecchiamento di Nino Franco. Tanti Champagne delle grandi Maison e una selezione di Récoltant Manipulant, e poi bollicine provenienti dall’Inghilterra, dalla Spagna con Llopart e da numerosi altri Paesi del mondo. Ogni azienda potrà presentare diverse etichette. Saranno così tante le referenze a catalogo che ci sarà solo l’imbarazzo della scelta; ciascuno potrà scegliere tra miriadi di bollicine di vario tipo e provenienza.
In Sala Biancamano avranno luogo due preziose degustazioni guidate. Alle ore 16 “Blind Tasting Internazionale: riconoscere origine, stile, qualità”, degustazione alla cieca di sei grandi spumanti da Italia, Francia, Spagna e resto del mondo. Alle ore 19 “Le 7 leggende: un confronto ai vertici”, tasting guidato di sette mitiche etichette dalla Francia e dall’Italia.

Orari e prezzi:

ore 15-17 riservato agli operatori del settore
ore 17-21 apertura anche al pubblico di appassionati
Il pubblico potrà accedere al walk-around tasting nello Spazio Polene pagando un biglietto d’ingresso di € 40. Per sommelier, studenti di Enologia, operatori del settore muniti di business card e/o tessera associativa in corso di validità e abbonati a Civiltà del bere l’ingresso sarà di € 30. È possibile acquistare l’ingresso anche in prevendita su www.civiltadelbere.com fino a giovedì 17 novembre al costo promozionale di € 30 per tutti.
La partecipazione alle degustazioni guidate in Sala Biancamano prevede un biglietto aggiuntivo (anch’esso in prevendita):

Blind Tasting Internazionale: riconoscere origine, stile, qualità
Sei grandi spumanti da Italia, Francia, Spagna e resto del mondo ore 16 - € 20

Le 7 leggende: un confronto ai vertici 

Degustazione guidata di sette mitiche etichette dalla Francia e dall’Italiaore 19 - € 50

I posti in Sala Biancamano sono limitati: consigliamo di acquistare i biglietti in prevendita su www.civiltadelbere.com. Eventuali posti liberi saranno acquistabili direttamente in loco.
Per informazioni: Agnese Pellucci    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.      Tel. 02.76.11.03.03

Invito speciale a tutti i soci ASPI

Il socio ASPI e coordinatore di Verona Fabrizio Franzoi ci invita al ristorante Perbellini * di Isola Rizza per uno pranzo speciale domenica 11 dicembre.
Ecco il menu.

Assaggino di benvenuto:

- Trota affumicata e le sue uova con spuma di castagne, caldarroste e acetella
- Grancevola alla menta e ali di razza fritte su insalata di crauti e rapanelli
- Risotto “ho mantecato una pizza alla marinara!”
- Agnolotti al Parmigiano Reggiano in consommé di funghi al lemongrass, nocciole bollite e bottarga di tonno
- Guancia brasata di “Mora Romagnola”, purè di carote, senape e menta
- Cremoso di cioccolato al latte al profumo di ibisco, sorbetti al mandarino e dadi di zucca profumati alla vaniglia

Per l'occasione, il pranzo avrà un prezzo speciale di 75€ a persona, bevande incluse.
Per prenotazioni, l'indirizzo e-mail di riferimento é  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Login



Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Contatti+39 02 87383831

ASPI

Vai all'inizio della pagina

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua navigazione.

Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritte nella nostra cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo