HomeNews

VINITALY 2017, piattaforma per il business del vino sempre più internazionale

Dopo quattro giorni di business e promozione per il mondo vitivinicolo, il 51°Vinitaly chiude registrando 128mila presenze da 142 nazioni. In crescita l’internazionalità del salone che quest’anno ha visto aumentare i top buyer stranieri accreditati che toccano quota 30.200 (+8% sul 2016), sul totale dei 48mila visitatori esteri. Un risultato ottenuto grazie agli investimenti nell’incoming da parte di Veronafiere, in collaborazione con il ministero dello Sviluppo Economico e ICE-Agenzia. 

«Vinitaly 2017, che abbiamo simbolicamente battezzato come edizione “50+1”, – commenta il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese – rappresenta il primo e concreto passo del nuovo percorso di sviluppo che guarda al futuro dei prossimi 50 anni. I risultati premiamo la spinta verso una sempre più netta separazione tra il momento riservato al business in fiera e il fuori salone pensato per i wine lover in città. Proprio Vinitaly and the City quest’anno ha portato nel centro storico di Verona e nel comune di Bardolino oltre 35mila appassionati. L’obiettivo ora è continuare in questa direzione, forti dei nuovi strumenti messi a disposizione con la trasformazione in Spa di Veronafiere e dal piano industriale collegato da 100 milioni di euro, con investimenti mirati sulla filiera wine e sulla digital transformation».

«I numeri di questa edizione – spiega il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani –testimoniano la crescita del ruolo B2B di Vinitaly a livello internazionale, con buyer sempre più qualificati da tutto il mondo. Basta guardare alla top ten delle presenze degli operatori stranieri che mostrano incrementi da quasi tutte le nazioni: Stati Uniti (+6%), Germania (+3%), Regno Unito (+4%), Cina (+12%), Francia e Canada (stabili), Russia (+42%), Giappone (+2%), Paesi del Nord Europa (+2%), Olanda e Belgio (+6 per cento). A questa lista si aggiunge la buona performance del Brasile (+29%), senza dimenticare il debutto assoluto a Vinitaly di Panama e Senegal. Per quanto riguarda invece l’Italia, assistiamo ad un consolidamento degli arrivi da tutte le regioni del Paese».

Con più di 4.270 aziende espositrici da 30 paesi (aumentate nel complesso del 4% sul 2016, in particolare quelle estere, del 74%) Vinitaly si conferma il più importante salone internazionale per il vino e i distillati ma anche momento di riflessione fondamentale per il settore vitivinicolo nazionale ed europeo, come hanno sottolineato la presenza del ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina, il commissario europeo all’Agricoltura Phil Hogan, i ministri dell’Agricoltura di Malta e Polonia e il viceministro all’Agricoltura russo. Nel corso della rassegna, i riflettori sono stati puntati sui mercati consolidati (ma non maturi) ed emergenti, con un’attenzione particolare agli sviluppi futuri della possibile svolta protezionista degli Stati Uniti e le ricadute della Brexit. 
Ma si è guardato molto ad Oriente, con Verona e Vinitaly punto di partenza di una nuova Via della seta per il vino italiano diretto in Cina che viaggia su e-commerce ed educational. A Vinitaly, 1919, il gigante cinese della distribuzione online to offline di wine&spirit, ha stretto un accordo con la Vinitaly International Academy e il fondatore Robert Yang ha promesso di aumentare entro il 2020 le vendite italiane nel Paese del dragone di oltre 2 milioni di bottiglie per almeno 68milioni di euro di fatturato.
La Cina ha scelto Vinitaly come riferimento europeo per il vino, come ha ribadito l’arrivo a Verona anche degli altri colossi commerciali come Alibaba, Cofco, Winehoo e Suning. 

La 52ª edizione di Vinitaly è in programma dal 15 al 18 aprile 2018.

Concorso Miglior Sommelier d'Europa: Vienna 2017

Dal 8 al 13 maggio ASPI sarà presente con il suo candidato al Concorsoper il Miglior Sommelier d’Europa a Vienna. E’ superfluo ricordarlo ma ci teniamo ad evidenziare che solo ed esclusivamente i sommelier di ASPI hanno il diritto di partecipare al prestigioso concorso e di rappresentare la propria nazione. Privilegio di cui possono godere i sommelier professionisti della nostra associazione che si sono distinti in precedenti concorsi nazionali e nelle selezioni di qualifica. 
A rappresentare ASPI e l’Italia sarà ancora Gennaro Buono che vanta nel suo curriculum la partecipazione al concorso mondiale che si è svolto nel 2016 a Mendoza in Argentina.

Appuntamenti a Vinitaly

Per questa edizione 2017, ASPI avrà un suo stand, all'interno del Palaexpo, nella piazza Valcalepio (stand B8/C8). 

Lunedì 10 aprile, alle ore 15, presso il Padiglione 10, primo piano, sala B, ASPI, in collaborazione con il Gruppo Vinicolo Santa Margherita, terrà una conferenza dal titolo "Il bere socializzante e consapevole".


Sempre lunedì 10 aprile, presso la Sala Salieri, Palaexpo, primo piano, alle ore 14.30 si terrà la conferenza, organizzata da Co.N.Vi, di cui ASPI fa parte, sul tema "Vino! Denominatore comune". Il nostro Presidente Giuseppe Vaccarini sarà uno dei relatori che prenderà la parola nel corso di questo appuntamento.


Non mancate!

Festival Culinaire Bernard Loiseau

Si è concluso in questi giorni lo straordinario Festival Culinario Bernard Loiseau (27 marzo - 1 aprile), sull’Isola Maurice, nello stupendo scenario del Constance Belle Mare Plage e del Prince Constance Palace Hotel, arrivato oramai alla sua dodicesima edizione.
In questo contesto gastronomico, che si può definire unico nel suo genere, hanno partecipato chef di cucina stellati provenienti da alcuni paesi europei, tra cui il celebre Eckart Witzigmann ed il miglior chef Pasticcere del Mondo, Pierre Hermet, abbinati agli chef  ed ai pasticceri degli hotel del gruppo Constance, situati tutti nelle isole dell’Oceano Indiano, Maldive e Seychelles, oltre a quelli dell’isola Maurice.
Anche la numerosa brigata di sommelier, formati dal Presidente dell’associazione Mauriziana Jerome Faure, ed i barman degli hotel hanno potuto confrontarsi tra loro grazie a premi speciali istituti per valorizzare le rispettive professionalità. 
I giudici, tutti esperti ciascuno del suo settore, tra cui il Presidente di ASPI Giuseppe Vaccarini, l’editore inglese di World of Fine Wine Neil Beckett, e la celebrity star indonesian Farah Quinn  hanno contribuito a dare ulteriore valore ai risultati dei candidati nelle prove di loro competenza.

ASPI 2007-2017: 10 anni di Sommellerie Professionale

 

2007 - 2017, dieci anni, un bel traguardo per una associazione come lanostra, nata dalla passione dei fondatori, che fin da subito hanno creduto nelle sue potenzialità, per arrivare ad oggi, dove professionalità e serietà fanno si che ASPI sia, giorno dopo giorno, sempre più conosciuta ed apprezzata.  
10 anni, un primo importante traguardo che vogliamo celebrare, insieme a tutti i nostri soci, il prossimo mese di ottobre, a Milano, dove, insieme al Concorso per il Miglior Sommelier d'Italia, vi proporremo interessanti ed imperdibili appuntamenti. 
Da venerdì 13 a domenica 15 ottobre, sulle vostre agende dovrà esserci spazio solo per ASPI!

 

 

 

Decennale ASPI

Con il 2017 ricorrono i 10 anni dalla fondazione di ASPI.
Nel corso dell'anno verranno organizzati incontri del Presidente e del Direttivo presso le Sezioni Locali per incontrare i soci.
In ottobre, a Milano, ASPI festeggerà il decennale con alcuni eventi che includono, tra l'altro, il Miglior Sommelier d'Italia, una Conferenza, l'assegnazione del Premio Emozioni ed un Banco d'Assaggio.

Pagina 8 di 50

Login



EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Contatti+39 02 87383831

ASPI

Vai all'inizio della pagina

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua navigazione.

Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritte nella nostra cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo